READING

Chrysler Building, un colosso da 77 piani con 18 a...

Chrysler Building, un colosso da 77 piani con 18 ascensori

Fano (PU) – A New York ci sono tanti edifici maestosi ed imponenti, che racchiudono storie affascinanti; uno di questi è il Chrysler Building. Venne costruito per ospitare la sede della società automobilistica Chrysler.

Progettato da William van Alen per il senatore William H. Reynolds, fondatore di Dreamland, lo storico parco di divertimenti di Coney Island. I primi disegni del grattacielo non convinsero Reynolds per l’inedita copertura di acciaio prevista da van Alen e il progetto venne acquistato da Walter P. Chrysler, che era alla ricerca di una prestigiosa sede per la sua società automobilistica. Si appassionò molto al progetto e lo finanziò interamente con fondi personali.

Completato nel 1930, l’edificio di 77 piani, con 18 ascensori, è alto 319 metri e si trova nell’East Side di Manhattan in prossimità dell’incrocio tra la 42a strada e Lexington Avenue. Ci si può arrivare con la metro (linee: 4, la 5 o la 6 da Lexington Avenue per la 42nd St – Grand Central). I bus sono: l’M15, l’ M101/102, l’M1, M2, M3 e M4.

In puro stile Art Decò, la sua caratteristica principale è quella di essere un edificio “fatto a mano”.

La guglia, le finestre, le lamine di metallo che lo ricoprono venivano lavorate nei laboratori che si trovavano al 65esimo e al 67esimo piano. La guglia alta 60 metri fu montata per ultima; la leggenda narra che ci vollero solamente meno di 2 ore per realizzarla.

Se a livello stradale sembra un edificio come tanti altri a NYC, è al suo interno che la magnificenza è stata espressa senza sconti. Ad esempio alla base della guglia fu costruita una lussuosissima suite di due piani per lo stesso Chrysler. Oggi non è più possibile raggiungere la gallery che dal 1930 al 1945 permetteva di vedere la città a 360° dal 71esimo piano. Non si possono nemmeno fare tour guidati, salendo ai piani alti per vedere, ad esempio, le vestigia del Cloud Club frequentato da magnati che occupava ben 3 dei suoi piani (66esimo-68esimo). Si possono visitare gratuitamente l’atrio dell’edificio e la lobby ma ne vale comunque la pena. Il soffitto, ristrutturato nel 1999, è un murale enorme di Edward Turnbull intitolato “Energy, Result, Workmanship and Transportation”, viene rappresentato il Chrysler Building stesso ed i lavoratori che lo hanno costruito.

Per finire citiamo alcune curiosità sul Chrysler Building: fu il grattacielo più alto del mondo per poco più di un anno, tra il 1929 e il 1931, quando venne superato dall’Empire State Building. Meno “nobile”, ma di cui lo stesso Walter P. Chrysler si vantava, quello di avere il WC più alto del mondo nell’appartamento nel punto più alto dell’edificio.

Share

Vai alla barra degli strumenti